(IN) Netweek

MILANO

Il Papa al Centro Wiesenthal: se perdiamo la memoria annientiamo il futuro

Share

"Preoccupa l'aumento, in tante parti del mondo, di un'indifferenza egoista, per cui interessa solo quello che fa comodo a sé stessi: la vita va bene se va bene a me e quando qualcosa non va, si scatenano rabbia e cattiveria". Lo ha detto papa Francesco che, ricevendo in udienza una delegazione del "Simon Wiesenthal Center", a 75 anni dalla liberazione del campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau, ha spiegato: "Così si preparano terreni fertili ai particolarismi e ai populismi, che vediamo attorno a noi. Su questi terreni cresce rapido l'odio".

"Ancora recentemente abbiamo assistito a barbare recrudescenze di antisemitismo", il riferimento all'attualità: "Non mi stanco di condannare fermamente ogni forma di antisemitismo", ha ribadito Francesco, secondo il quale "per affrontare il problema alla radice, dobbiamo impegnarci anche a dissodare il terreno su cui cresce l'odio, seminandovi pace. È infatti attraverso l'integrazione, la ricerca e la comprensione dell'altro che tuteliamo maggiormente noi stessi".

"Reintegrare chi è emarginato, tendere la mano a chi è lontano, sostenere chi è scartato perché non ha mezzi e denaro, aiutare chi è vittima di intolleranza e discriminazione", gli imperativi esigenti del Papa, che ha citato la Dichiarazione Nostra aetate per sottolineare che "noi, ebrei e cristiani, abbiamo un ricco patrimonio spirituale comune che dovremmo scoprire sempre più per metterlo al servizio di tutti". "Siamo chiamati proprio noi, per primi, a questo servizio", l'appello di Francesco: "Non a prendere le distanze ed escludere, ma a farci vicini e includere; non ad assecondare soluzioni di forza, ma a avviare percorsi di prossimità".

"Oggi, assorbiti nel vortice delle cose, fatichiamo a fermarci, a guardarci dentro, a fare silenzio per ascoltare il grido dell'umanità sofferente". Ha proseguito il Papa, che ha fatto notare che "il consumismo odierno è anche verbale: quante parole inutili, quanto tempo sprecato a contestare e accusare, quante offese urlate, senza curarsi di quel che si dice".

"Il silenzio, invece, aiuta a custodire la memoria", dice Francesco a 75 anni dalla liberazione del campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau: "Se perdiamo la memoria, annientiamo il futuro. L'anniversario dell'indicibile crudeltà che l'umanità scoprì 77 anni fa sia un richiamo a fermarci, a stare in silenzio e fare memoria. Ci serve, per non diventare indifferenti".

Leggi tutte le notizie su "Milano Politica"
Edizione digitale

Autore:ces

Pubblicato il: 24 Gennaio 2020

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.