(IN) Netweek

MILANO

Ecco quanto ci guadagna l’Italia

Share

Organizzare un’Olimpiade è una buona scelta economica? E’ un investimento che vale la pena affrontare? E le ricadute sono positive? Gli studi finora condotti su Milano-Cortina, che si sono aggiudicate i Giochi invernali 2026, concordano: lo Stato ci guadagna e c’è un effetto volàno sul tessuto economico. Secondo un’analisi di impatto economico-finanziario commissionata lo scorso inverno dal governo all’Università La Sapienza, i Giochi invernali contribuiranno positivamente allo sviluppo economico: non solo “la crescita cumulata del Pil raggiungerà un massimo di circa 2,3 miliardi nel 2028”, ma anche “le uscite dell’Amministrazione centrale per finanziare i Giochi 2026 sarebbero compensate dagli introiti diretti e indiretti connessi alle attività sviluppate attorno ai Giochi nel periodo 2020/2028”. E ancora: “Tra il 2020 e il 2028, si rilevano variazioni positive sostanziali dell’occupazione” e “l’aumento cumulato delle entrate fiscali prodotto dall’evento dovrebbe essere pari a circa 600 milioni di euro”. Un progetto, insomma, con ricadute economiche positive sull’intero Paese, ma anche per Milano e le Dolomiti, con possibilità di ricavi fino a oltre 2,8 miliardi di euro per la Lombardia (analisi della Bocconi) e quasi 1,5 miliardi per Regione Veneto e Province autonome di Trento e Bolzano (fonte: Università Ca’ Foscari). “I Giochi invernali – commenta Andrea Favaretto, direttore del Centro Studi Sintesi di Venezia e profondo conoscitore delle realtà economiche e sociali del Nord-Est – rappresentano senza dubbio una grande opportunità economica e sociale per i territori coinvolti”.

La storia insegna che l’organizzazione dei grandi eventi, come un’Olimpiade, va gestita con intelligenza e lungimiranza. Milano con l’Expo ha dimostrato di saper affrontare questa sfida. E il Veneto sarà all’altezza?

Sicuramente. Il ticket Milano-Cortina ha vinto anche per la sensibilità alle questioni ambientali. Anzi, sono convinto che in una logica di sussidiarietà economica, cioè di coinvolgimento di soggetti privati accanto al ruolo degli enti pubblici, e di sostenibilità, vale a dire attenzione al riutilizzo degli spazi e degli impianti che saranno realizzati in vista del 2026, le Olimpiadi di Milano-Cortina saranno davvero un modello innovativo e rivoluzionario.

Leggi tutte le notizie su "Milano Politica"
Edizione digitale

Autore:ces

Pubblicato il: 28 Giugno 2019

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.